Cerca

L'ombelico di Svesda

Tag

1950

Lullaby Of The Leaves

Benny Goodman Sextet, 1950

That’s Life

Off America’s Queen Mother of Soul – Got A Brand New Bag, Big Maybelle

La Vie Dans L’Après-Guerre

Questo slideshow richiede JavaScript.

Willy Ronis, who died on September 12 2009 aged 99, was the last of the great photographers whose images came to define postwar France; like Henri Cartier-Bresson and Robert Doisneau, he was an aesthete of photo-reportage and street life, capturing politics and poetry in the humdrum and the everyday.

He was, however, more artistic than Doisneau and less patrician than Cartier-Bresson. Ronis had a tender eye, photographing working-class neighbourhoods where men drank rough wine and children played on the streets.

In Le Petit Parisien (1952), a young boy wearing shorts runs down the pavement, laughing, carrying a baguette that is as long as he is tall. In Rue Rambuteau (1946), two waitresses stand behind the counter in a busy café, wearing aprons that are crumpled and dirty, leaving us in no doubt that their working days are long and hard. But with smoke rising from the grill and light falling across the scene, illuminating their hair, the documentary image is also a composition full of beauty.

To a contemporary eye, such themes – lovers kissing, smoky cafés and Parisian rooftops – can seem nostalgic and clichéd; but the lives Ronis documented during the reconstruction of France after the war were anything but cosy. The country was wracked by poverty and social unrest, and Ronis’ vision was radical: for those who wanted France to be seen as modern, he showed a humble world that was entrenched in the past.

via Willy Ronis – The Telegraph.

Five Poems

Lisette Model, NYC, circa 1950
Lisette Model, NYC, circa 1950

by Vera Pavlova

Loneliness is a sexually
transmitted disease.
I let you be; let me be, please.
Let’s have a quiet moment
chatting about this and that,
leaving some things unsaid,
let’s have a hug and realize:
no cure for the lonely.

If there is something to desire,
there will be something to regret.
If there is something to regret,
there will be something to recall.
If there is something to recall,
there was nothing to regret.
If there was nothing to regret,
there was nothing to desire.

….

Let us touch each other
while we still have hands,
palms, forearms, elbows…
Let us love each other for misery,
torture each other, torment,
disfigure, maim,
to remember better,
to part with less pain.

….

Eternalize me just a bit:
take some snow and sculpt me in it,
with your warm and bare palm
polish me until I shine.

….

When I am in your arms, you think: “She’s mine, without fail.”
But I will shed my body like a saurian tail,
and you will have to search the starry skies
for what you hoped to find between my thighs.

Foglietti di Spagna

La Gran Vía, Madrid, 1921
La Gran Vía, Madrid, 1921

III

Di una città, arrivandoci, mi piace la parte più evidente e comune. So che ogni città ha i suoi quartieri e i suoi angoli, che il passeggero non scoprirà mai e che fanno invece la delizia di chi vi abita: io preferisco ignorarli, sono luoghi, sensazioni che bisogna meritarsi con un lungo soggiorno. A Madrid non vado più in là della Gran Via. Le poche escursioni mi hanno portato al Prado, alla Piazza Mayor, a Sant’Antonio de la Florida, alla Plaza del Toros.

Ho trascorso così le mie giornate nei caffè dell’Avenida, dai librai, nelle osterie, a guardare la gente, spesso con tanta insistenza da essere frainteso. E le insegne. Niente mi ha dato più gioia, se si eccettua il Prado, di un cartello trovato in un locale notturno: En caso de incendio, no alarmarse. O l’insegna di un’ostretica: Encarnacion Gutierrez, profesora en parto. O l’insegna scritta sul muro bianco di una caserma: Se prohibe terminantemente hacer agua. O il cartello di un veterinario: Consulta para aves, monos, gatos y perros. O la semplicità sintattica dei cartelli sulle case in vendita: Se vende esta casa. O l’avviso che gli autobus portano dietro: Atencion, frenos potentes! O un negozio di piume: Plumeros para militares y confederaciones. O la traduzione delle opere di Marcel Proust, nella vetrina di un libraio: En busca del tiempo perdido. Come tutto è solenne, semplice, ammonitore! La lingua spagnola è baritonale, piena, esce dal cuore, si finisce per amarla. E come dimenticare il disperato richiamo della venditrice di tabacco, la notte davanti al cinema? – un richiamo gettato a brevi intervalli come un grido insostenibile di dolore: Hay tabaco! – Da tutto questo io deduco che sono un pessimo viaggiatore: di ogni nuova città mi resta solo un ricordo futile e straziante.

IV

La piazza Mayor è Napoli, anche in certi usi che in altre piazze di Madrid non vivono. Per esempio, alla fermata del tram c’è un vecchio che noleggia romanzi a fumetti ai viaggiatori in attesa, pronto a riprenderseli, con una piccola mancia, appena il tram arriva.

V

Dopo la mezzanotte, nella Gran Via, riappaiono figure settecentesche, pezzi rimasti del gran presepe picaresco: il venditore d’acqua, che sta a guardia del suo orciolo, le spalle poggiate ai marmi del Palazzo dei telefoni, e il piccolo venditore di cialde, nel suo candido grembiule, così serio e inadeguato alla notte che si prepara, sguasciando tra le donne che aspettano, tra le venditrici di biglietti della lotteria, tra i pallidi innamorati dell’alba.

da Diario Notturno, Ennio Flaiano, 1956

Madrid me mata. La historia de Madrid en imágenes desde el año 1907 a 1969.

Antonio Donghi

Questo slideshow richiede JavaScript.


Antonio Donghi (March 16, 1897 – July 16, 1963) 

Nicolas Kalmakoff, The Forgotten Visionary

The apparition by Nikolai Konstantin Kalmakoff

In 1955, a Russian émigré died alone, unknown and in poverty at the hôpital de Lagny to the north of Paris. After leading a hermit’s existence in his small room at the hotel de la Rochefoucault in Paris, this former Russian aristocrat had created a fascinating body of work which, deemed eccentric and worthless, was locked away in storage and forgotten.
Throughout his solitary life, the artist had painted works that reflected his various obsessions with martyrdom, asceticism, decadence, spirituality and sexuality. Executed in a style marked by the Russian art nouveau, his imagery nevertheless transcended this movement, bearing undeniable traces of demented vision, indeed, genius.

Only in 1962 did some of his works come to light when Bertrand Collin du Bocage and Georges Martin du Nord discovered forty canvases in the Marché aux Puces, a large flea market to the north of Paris. All the works in this unusual collection were signed with a stylized ‘K’ monogram.
The Hungarian merchant who sold the lot to them included with it a poster of an exhibition held in Galerie Le Roy, Brussels, in 1924. Here, for the first time, the full name of the mysterious ‘K’ was revealed – Nicolas Kalmakoff.

After lying in darkness and obscurity for thirty-seven years, Kalmakoff’s works were finally exhibited at Galerie Motte Paris in February of 1964. This led to the discovery of twenty-four new works in Metz – including an entire series which once decorated a chapel dedicated (ironically) to the resurrected called Chapelle Fortin du Résurrectoire. Four years later, another exhibition followed at Galerie Jacques Henri Perrin.
Finally, in May of 1986, a large exhibition of his collected works was organized by Musée-galerie de la Seita, resulting in the colour monograph: KALMAKOFF, L’Ange de l’Abîme, 1873 – 1955. A documentary film by Annie Tresgot (also called L’Ange de l’Abîme) provided interviews with Kalmakoff’s contemporaries. Through these various sources (all in French), a shadowy and fragmented picture of the recluse emerges.
And yet, the works themselves – many of them self-portraits – invite a myriad of speculations onto the artist’s life and his very unique view onto the world. Did his spiritual ideals drive him towards an extreme asceticism, which then had the contrary effect of releasing onto his canvases a rich profusion of repressed eroticism, effeminism, misogyny and narcissism – culminating in delusions of Satanhood and even Godhood? The enigma of his life and works remains unsolved – a labyrinth into which the speculative writer (and curious reader) wanders at his own risk…

via VISIONARY REVUE.

Traumi Infantili

Giuliano Borghesan, Untitled, 1953

voi da bambini ce l’avevate un processore multimediale a espansione proto-dinamica? nemmeno io, ma avevo un paio di giocattoli coi quali mi divertivo a giocare; la macchina del gelato (regalo di natale), la magica maglieria (regalo di compleanno), il fornetto delle meraviglie (regalo d’onomastico). Mia sorella prediligeva giocare con le macchinine, così c’eravamo messe in società e avevamo creato un autogrill e uno slow food alternativo. Non ci credete?
Da bambina mi piaceva cucinare, ricamare, cucire e fare le pulizie. Posso affermare con orgoglio di aver reso mia madre una donna fiera della propria bambina. Poi, intorno ai quindici, sedici anni, ho iniziato ad ascoltare i Pink Floyd, leggere un po’di scemenze, e sono diventata un adolescente problematico in lista agli appuntamenti dallo psicologo della mutua. Ma questa è un’altra storia, che mia madre non ha voglia di raccontare, e nemmeno io. Ogni tanto mi faccio perdonare con una sciarpa lavorata a mano, in compenso.
C’era una cosa che mi faceva incazzare dei giocattoli che avevo; alla tv dicevano la macchina del gelato in grado di fare il gelato, la magica maglieria in grado di confezionare il prossino regalo di natale per il nonno, il fornetto delle meraviglie in grado di sfornare golose cenettine. Tutte stronzate. Bertinotti parlava di sindacato, Craxi di contributi al paese, Falcone di giustizia sociale, Berlusconi di capitale e privatizzazioni.
Ecco, se io fossi stata un poco più sveglia da bambina, avrei già capito da allora la differenza fra ciò che è, appare, e sembra. Allora mi sarei potuta risparmiare la fatica di crescere e credere alle solite chiacchere da adulti, traumi infantili.

Circa Il Diritto Di Giocare

Thurston Hopkins, London 7th August, 1954

Signori, gli adulti non sanno più cosa inventarsi per traumatizzare i bambini. Ne è una prova il cartellone in Darwin Road che proibisce ai miei clienti di giocare in strada.
No ball games here
Ho sentito mamme pigolare, alcune sostengono giocare in strada è pericoloso e comporta un prezzo troppo alto da pagare. Vero. E’ però vero anche chiudere Darwin Road (per consentire ai bambini di giocare), comporta un prezzo ancora più alto che l’amministrazione non ha intenzione di pagare. Signori, io questo lo chiamo un oltraggio all’infanzia e una minaccia alla felicità dei bambini.
Non solo il cartellone è arrogante nei toni (come tutti gli imperativi in smokey suit e black tie. Stop there. Pay here. Don’t cross the line) ma scialbo e in difetto di creatività e inventiva. Pertanto, la sottoscritta pollastrella, delegata dei bambini del quartiere, non solo rivendica il Diritto di Giocare e di poterlo fare per strada, ma propone di chiudere al traffico Darwin Road e sostituire i vecchi cartelloni con dei nuovi. What about this?
Hey guys, have fun playing around with that crazy ball but remind to respect people and places around you. Qui e là una nuvoletta, un aquilone, un palloncino. Colore.
Sounds alright enough?
Prego firmare nel retro la petizione in favore dei Bambini di Darwin Road
Un grazie di cuore,
La pollastrella

La Pointe Courte di Agnès Varda via Storia Dei Film

Due coniugi si reincontrano dopo cinque anni e scoprono di amarsi, di un amore diverso che ha lasciato la passione selvaggia della giovinezza, per trovare la passione della conoscenza profonda reciproca. Sullo sfondo le vicende di un villaggio di pescatori del sud della Francia in cui lui vive attualmente e dove è nato.

Agnes Varda con quest’opera pone le basi della Nouvelle Vague, per l’impianto tecnico-stilistico utilizzato, ma soprattutto per le tematiche utilizzate. Forte è l’influsso del neorealismo italiano, in quanto una parte delle vicende raccontate riguardano la vita di tutti i giorni di un villaggio di pescatori, che dà appunto il titolo al film. Gli attori sono quindi attori non professionisti, gente del popolo che si presta a recitare sulla pellicola la propria vita.

Il taglio non è quello documentaristico in quanto ci sono degli evidenti elementi di finzione, ma la vita di questi pescatori viene raccontata e mostrata nella sua integrità nei piaceri e nelle difficoltà che debbono affrontare. Si pongono le basi di un lavoro particolare del quale le riprese in esterni, in ambienti reali accompagnate da un uso sapiente della camera a mano si propongono come elementi cardine a livello stilistico.

Ma ciò che marca questa pellicola è l’intreccio della vita dei pescatori, con la vita di due coniugi(interpretati da un giovane Philippe Noiret e da Silvia Monfort), da lungo tempo separati, che si ritrovano e cercano di riannodare un discorso e un rapporto mai veramente concluso. I loro discorsi, le loro passeggiate amoroso-riflessive ci colpiscono per il livello di intensità che raggiungono.

Il discorso sull’amore, sulle vicende amorose, sui rapporti tra amanti risulta essere uno degli elementi cardine del nuovo cinema francese; si pensi qui ad esempio ai tanti film di Louis Malle (Gli amanti, Ascensore per il patibolo…) o di Alain Resnais (Hiroshima mon amour, L’anno scorso a Marienbad…) in cui questo amore viene tematizzato e viene trasposto in immagini poetiche che enfatizzano il rapporto uomo-donna, idealizzandolo.

La Varda getta in questo modo le basi per un cinema nuovo su entrambi i registri, quello stilistico e quello contenutistico, confezionando una pellicola di modeste intenzioni, ma pregna di significato per la storia del cinema. Poesia e realtà formano così un unicum che segnerà in modo indelebile il cinema francese degli anni a venire. Da segnalare il montaggio effettuato dall’allora sconosciuto Alain Resnais.

via Storia Dei Film, La Pointe-Courte di Agnès Varda.

SOFA’ SOGOOD # 3 WAITING FOR GODOT by SAMUEL BECKETT

A occhio e croce direi questo di Samuel Beckett, Waiting for Godot, un libro non superiore ai 200 grammi di peso, di seconda mano, invecchiato a secco, una tacca su dieci di umidità, retro-sentore di scantinato, nessuna illustrazione, stampato per la prima volta a Londra nel 1956. La copertina, nera, titolata di bianco e verde, presenta uno strappo al margine superiore, lungo appena un centimetro, e una chiazza scura, nel retro, ampia tre millimetri almeno. E’probabile chi lo ha letto stesse intanto bevendo caffè, ma potrebbe trattarsi di tea, forse un black russian, forse Jameson whiskey e cranberry juice. Non lo saprò mai. In compenso so chi me l’ha venduto è americano, e vive a Glasgow, il che presuppone potrebbe piuttosto trattarsi di scotch. Altrimenti, non si spiegherebbe il tremore nervoso della calligrafia, schizzata a inchiostro nero nel pacchetto. Mr Jenet deve certamente essere un uomo irritabile, ma scrupoloso; tutte le ‘i’ della lettera di commissione non mancano di un solo puntino. In compenso un triangolo edipico, ma la lettiera del gatto sempre pulita. Le ciabatte disposte in ordine sotto il letto; But not for me di Chet Baker nel giradischi, una copia di PlayBoy sotto le coperte, una del New Yorker sopra il cuscino, aperta a pagina 52
___________________THE PLAGIARIST’S TALE_____________________
The author of ‘Assassin of Secrets’ had a secret of his own
by Lizzie Widdicombe

Spy novels embrace clichés- the double agent, the bomb-rigged briefcase- and ‘Assassin of Secrets,’ published last fall, made a virtue of this tendency piling one trope onto another to create a story that rang with wry knowingness. The book is set in the midst of the Cold War. The protagonist is Jonathan Chase, a suave secret agent with a background in martial arts- part James Bond, part Jason Bourne. In the first chapter, Chase meets Frankie Farmer, a sexy former field agent who presents him with ‘personalized matching luggage’ loaded with surveillance gear. They head back to her place, where Chase eyes the water bed while Farmer slips into something more comfortable:
The he saw her.. a small light dim but growing to illuminate her as she stood naked but for a thin, translucent nightdress; her hair undone and falling to her waist- hair and the thin material moving and blowing as thought caught in a silent zephyr.
Chase caught hold of her, pulled her close. She slid her hands to his shoulders, gently pushing him away.
‘What’s it like to kill somebody? They say you’ve had to kill a lot of people during your time in the Division.’
‘Then they shouldn’t talk so much.’
Ho aspettato trent’anni, prima di ricevere il libro. E quando è arrivato, ho tardato due settimane ancora prima di andare all’ufficio postale. Quando sono arrivata all’ufficio postale, due tizi, a dire dei badge Pozzo e Lucky, mi hanno detto di ripassare un altro giorno, Godot non era arrivato. Ai due ho fatto presente l’errore, ma questi hanno scartato l’errore, e detto di aspettare ancora. Godot sarebbe arrivato da lì a qualche giorno, impacchettato e infiocchettato per benino.
Da lì a qualche giorno sono andata all’ufficio postale, e quando sono arrivata ho trovato due che litigavano davanti allo sportello reclami. Vladimiro sei un idiota! Estragone sei un imbecille! e cicicì e chachachà, tutto un gran parlare e darsi creduloni! fanatici! Io, sono arrivato prima io! Tu, togliti di mezzo tu! e sgambettate a destra  e balzi a sinistra, un due tre chachacha un due tre chachacha un due tre quaquaqua.
S’è capito Nulla.

Fatto sta, di Godot avete notizie, sapete è arrivato? dico ai tizi dell’ufficio postale.
Manco per sogno, mi fanno loro.
“We wait. We are bored. (He throws up his hand.) No, don’t protest, we are bored to death, there’s no denying it. Good. A diversion comes along and what do we do? We let it go to waste… In an instant all will vanish and we’ll be alone once more, in the midst of nothingness!”
– Samuel Beckett, Waiting for Godot

Della Regina e La Regina

Robert Frank, London, 1951-1953

Ho conosciuto una donna, ieri notte. Stavo fumando una sigaretta davanti all’uscita della tube. Avevo appena finito di lavorare, contavo di rientrare a casa di lì a poco. La donna avrà avuto sessant’anni. O forse quaranta, ma portati con fatica; indossava un piumino nero, lungo fin sopra le caviglie, un paio di sandali, aperti ai talloni, un fazzoletto chiaro in testa, una borsa blu a tracolla. Mi si è avvicinata con in mano una cartina della tube. Non parlava inglese. Parlate russo? Le ho chiesto. Ma da come ha aggrottato le sopracciglia e mi ha guardata smarrita, ho capito ci saremmo dovute intuire a gesti. Ambascia Americu, dice lei. Parku, Ambascia Americu, e indica con il braccio alla nostra destra. Capisco la donna sta cercando l’ambasciata americana, che so essere nei dintorni di Hide Park, non lontano da dove ci trovavamo. Familu. Parku. Ambascia Americu. Continua a dire lei, appena sottovoce, la fronte aggrottata, gli occhi fasciati di rughe, le mani strette a pugno e tenute al petto. Una bambina timida e gentile. Graziosa e accorta nelle maniere, introversa, una matrioska dentro una matrioska dentro una matrioska ancora più piccina, cose non dette e tenute dentro, lacrime amare e silenzi.
Ho chiesto a un passante dell’ambasciata americana. Questi mi ha indicato la direzione e io e la donna ci siamo incamminate lungo la Piccadilly. La donna mi seguiva a meno di un passo di distanza, silenziosa; ogni tanto mi guardavo alle spalle e rallentavo il passo credendo di stare andando troppo veloce per la sua andatura. Mentre camminavamo ho desiderato più volte prenderla per mano; pensavo a quant’era vulnerabile, tutta sola, in un paese straniero, di notte, senza neanche conoscere la lingua del posto. Ho pensato Chiunque avrebbe potuto farle del male.
Ma chi è Chiunque. E io, Chi sono?
Io so, chi sono io, ma chi sono gli altri? Chi è la gente, chi le facce, gli ombrelli, la fretta, le code, il traffico. E chi suona le note di questo concerto, la vita? Chi scrive la partitura, chi decide le accollature, chi segna le note nel pentagramma, chi prevede per ciascuna una frequenza, gli intervalli; chi decide il suono, chi il timbro. Chi decide il tempo, chi la durata.
Chi soffia dentro il vaso e libera i fiati, le trombe, i cori dei baritoni; cose rende l’armonia, di quali accordi è fatta la speranza, cosa spiega questo caos?
Il tragitto lungo Hide Park fino a Gronsvenor Avenue dura oltre venti minuti; attraversiamo uno a uno una ventina di luxury hotels incastonati come diamanti alle dita di giovani vacche inglesi in biancheria da sera e pellicce di criceto transgenico, panciuti portieri in frac e cilindro, qualche limousine e tante macchine sportive
‘Prego, signori, accogliete le Due Regine degli Stracci! Avanti, Regine, avanzate!’
Le due regine degli stracci avanzano lungo un tappeto d’oro, sotto lo sguardo sprezzante dei passanti che si rifiutano di offrire loro la cortesia di un informazione. L’ambasciata americana si trova poco dopo Hide Park Corner; illuminata di fari e un piccolo parco di fronte all’ingresso, dall’altra parte della strada. Dove vive la regina degli stracci, la zingara bambina. ‘Avete da mangiare, Regina?’ Mi ha mostrato una bottiglia di aranciata, che teneva dentro la borsa; poi ha cacciato di tasca una manciata di monetine. ‘Se avessi una casa, Regina, ma non ho niente da offrirvi, accettate questa modesta cortesia’.
Se non mi fossi vista coi miei occhi, non avrei potuto dire quella zingara bambina era io. Chissà dov’ero stata, e se c’era qualcuno, di là nel parco, ad aspettarmi.

V&A Exploring Photography – John Deakin

J.Deakin, Lucian Freud, Mid 1950's
J.Deakin, Rosalind Windebank, Mid 1950's

John Deakin made portraits of celebrities and of his bohemian circle of friends in London’s Soho in the early 1950’s. Deakin wanted to be a painter rather than a photographer and neglected his photographs: the majority have been destroyed or damaged. In part, his attitude reflected the general status of photography in Britain in the 1950’s, as an undervalued artistic medium. After his dismissal from Vogue he photographed street scenes in Paris and Rome. Deakin’s reputation was re-evaluated following an exhibition at the Victoria and Albert Museum in 1984.

via V&A Exploring Photography – John Deakin
John Deakin – A Database

Louis Stettner

Manhattan from the Brooklyn Promenade - 1954
Elbowing an Out of Town Newsstand - 1954
Lower Second Avenue, New York - 1954
Window Cleaner, Midtown, New York - 1953
Woman at a Demonstration, Midtown - 1976
Texans on Fifth Avenue - 1975
World Trade Center - 1978
Diner, 14th Street, New York - 1952
Subway Series - 1946

via Louis Stettner.

Il Barone Rampante

Georg Oddner,Dancing Sailor,Kiev,1955

L’ho soprannominato il Barone Rampante,arrivato a Londra in mongolfiera,più di cinquant’anni fa,mai più,da allora, ritornato in India,dove è nato-un tempo stato e antico,e cresciuto-su un albero di datteri, all’ombra di un sari; a Munjab questo nick name sembra non dispiacere affatto,anzi,il più delle volte divertito,vuole ch’io lo introduca ai clienti del cafè favorendo la cortesia di un inchino ossequioso in onore al titolo nobiliare-‘Here comes Il Barone Rampante,ladies and gentlemen’- e come in un film di Fellini,la gente,in suit and tie,si volta a guardarlo entrare dall’ingresso, fiero e orgoglioso alano aristocratico e da passeggio, faccia lunga e muso impertinente,impettito in divisa da marinaretto,violetta all’occhiello,àncora al braccio,scarpe di pitone viola ai piedi,pappagallo all’anello; come or ora rientrato da un viaggio in Messico per le tele di Rivera,si porta il poncho alla spalla e si fa avanti tra la fila di impiegati a muso grigio e doppio petto malinconia; preso posto al trono del suo tavolo,il cinque,in centro alla sala,il Barone inforca la lente d’ingrandimento, si volta al bancone e chiama ciclopico-Lauuuuraaaaaa! You know what I want,Darling
-I know what you want,Sir
-Rock ‘n Roll Baby!
-Let’s Rock ‘n Roll Sir!

Quando avevo diciott’anni,mi doveva conoscere allora
avevo i capelli neri,lunghi,lunghi così
Giulietta Masina in Le Notti di Cabiria,Federico Fellini,1957

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑