true-love

Tante volte a qualcuna di voi servono un paio di dritte su come fare scappare un uomo dopo il primo appuntamento? Perchè io, da single impenitente quale sono, ne ho tante quante me ne chiedete.
Non che ci vuole troppa fantasia per fare scappare alcuni di loro, prima o poi. Basta dire che non avete un profilo su facebook, nè su twitter, insomma di incontrarvi al parco per andare a correre insieme, che i più sono già andati, via. Perciò continuate pure a essere ‘troppo’ impegnative ed esigenti, se volete risparmiare loro la fatica di scollarsi dal divano e uscire. Oppure continuate a chattare sui social fino a che l’uomo dei desideri non ha trovato sufficiente coraggio per venire a prendervi sotto casa. Forse.
Può darsi invece che a scappare da ferme volete essere voi e voi ad assicurarvi che la faccenda è conclusa senza possibilità di appello.
Ora, non è possibile stilare un vademecum su come fare scappare un uomo dopo il primo appuntamento senza citare il classicone degli evergreen, sempre attuale, mai fuori moda. Ovvero, il Non Te La Do di cortesia che alle orecchie di un uomo suona spesso come la sonata no.2 op 35 in si bemolle minore di Chopin. Una marcia funebre. Mo non è chiaro perchè provarci è diventato norma  ma sono in tanti a sentirsi mortificati da un possibile rifiuto e in pochi  a rendersi conto che se gli si da un due di picche è per risparmiare loro una figuraccia. Perchè se voi riuscite magicamente a raggiungere un orgasmo dopo appena un minuto di masturbazione, a loro potrebbe volerci più tempo. E a meno di non avere a che fare con degli esperti di tantra, a che pro mettere a disposizione il proprio corpo perchè loro possano godersi lo spettacolo e voi rimanere a bocca asciutta? Abbiamo voluto la democrazia? E democrazia sia anche a letto. Abbiamo spinto per una sana emancipazione? Rendiamola possibile. A tempo debito.
Dunque, fermo restando che Non Te La Do rimane in pole position nella classifica delle scuse più efficaci per fare scappare un uomo dopo il primo appuntamento, qui di seguito ho elencato le alternative che potrebbero fare al caso vostro
La prima:
– Non la do fino a prima del matrimonio
E’ così. A voi piace tenerla al sicuro, infiocchettata e profumata di lavanda, fino alla fine dei vostri giorni. Perchè  per voi il sesso è un atto teso all’elevazione dello spirito. Lo yab-yum che bene rappresenta la primordiale unione di saggezza e compassione. E chi crede più nel matrimonio?
– Te la do. Ma non sei il solo ad averla
E’ così. Voi non lesinate gioie e dolori. Siete emancipate, libere, selvagge, in una relazione aperta. E se per alcuni uomini questo suona allettante, per i più insicuri è una ferita all’orgoglio. Di certo siete delle professioniste su come generare ansie da prestazione. A go go
– Sono Testimone di Geova
E’ così. Che lo siate o meno che importa? Mai sentiti i precocetti dei più su di loro? Abbastanza per fare arretrare anche i più convinti satanisti
– Ho il secondo chakra bloccato
E’ così. Voi c’avete questo cumulo di tensioni emotive concentrato nell’addome inferiore, appena sotto l’ombelico, lì, che rende difficili allineamento e sincronizzazioni. E questo vi procura astenia, irritabilità, inappetenza sessuale. Perciò a meno di non essere tu, uomo dei desideri, un esperto di reiki, questa copulata non s’ha da fare
-Sono vegana
E’ così. Voi dite no ai latticini, no ai pesticidi, no ai conservanti, no agli zuccheri, no al glutine, no alla violenza sugli animali, no alla carne. Si tratti di un fallo, un cosciotto di pollo, uno stinco di santo
– Sono vedova
E’ così. Quello che da sempre è stato per voi l’amichetto immaginario negli anni diventato confidente fidato prima, amante appassionato dopo, è morto. E con lui anche voi, fedeli come siete all’amore eterno
– Sono del cancro
Questa è bella. Chiunque di loro ha già avuto a che fare con una donna del segno, non esiterà a darsela a gambe senza troppe scuse. Tanto siete carine e tenere e sensibili ed emotive ed esigenti e intransigenti, dolcemente complicate, un po’ pazzerelle
– Sono disoccupata
Questa funziona 9 volte su 10. Specie se chi vi chiede di uscire sta disperatamente cercando qualcuna che lo mantenga o con cui dividere le spese dell’affitto e che non gravi troppo sulle finanze
– Ho viaggiato parecchio negli ultimi 15 anni. Sono andata via di casa quando ne avevo 17
Complimenti! Sei una donna vissuta amica mia. Ne hai da raccontare. Di belle e di brutte. A molti  basta sentire questo per entrare in competizione e sentirsi in difetto. Ed è vero che ti basta guardare un uomo negli occhi, ascoltare il tono della sua voce, osservare le espressioni del suo viso, vederlo muoversi, per intuire da dove viene, dove è stato. Dunque ti ci vuole qualcuno con cui entrare in sintonia, che  come te abbia maturato negli anni attitudine al rischio, capacità di adattamento, e sufficiente esperienza di vita perchè possa dare all’amore, all’amicizia, alla fedeltà, alla dedizione, al rispetto, il valore che hanno e che meritano.
Perciò amica mia, tieniti stretto chi più del corpo è capace di accarezzarti l’anima. Scappassero tutti. Prima possibile. Ti sarà più facile riconoscere l’uomo giusto dal fatto che ti rimane accanto. Che tu creda nel matrimonio, nel poliamore, sia testimone di Geova, anarchica, vegana, onnivora, del cancro, del serpente, disoccupata, in carriera, e chi più ne ha più ne metta