roses-in-my-hands-monia-merlo
Roses in my hands, Monia Merlo

Acquisti floreali stamattina in libreria. Nella fattispecie un bouquet di poesie di William Butler Yeats intitolato La rosa del mondo e altre poesie d’amore, e Il Romanzo della Rosa, bestseller della letteratura erotica medievale scritto a quattro mani e due tempi da Guillaume De Lorris e Jean De Meun nell’arco del 1200. Yep, quel Roman de la Rose in cui l’arte d’Amore è tutta racchiusa e che bene racconta le eroiche imprese di un giovane morto di figa duramente disapprovato da Christine de Pisan, che in tutta risposta gli dedica La città delle Dame, affermandosi prima donna casta e virtuosa della letteratura.
Sofferte le poesie di Yeats scritte per l’amata Maud Gonne, attrice e rivoluzionaria femminista irlandese, del quale il poeta si innamora follemente senza alcuna possibilità di guarigione. Perchè a volte è tanto più intenso e rassicurante immaginarlo, l’amore, agoniarlo, bramarlo, che viverlo e trovarsi faccia a faccia con l’equivoco.
Di seguito A Deep – sworn Vow, Stretto voto, che recita

Altre, perchè tu non osservasti
quello stretto voto, mi sono state amiche;
ma sempre, quando guardo la morte
in faccia, quando salgo le altezze
del sonno, quando mi accendo di vino,
subito lo incontro, quel tuo volto

 

Annunci