Io, a questa cosa che anche gli uomini hanno un cuore che ama, in passato, non riuscivo a crederci. Più in là nel tempo ho scoperto che si tratta di un cuore fragilissimo, tanto più fragile di quanto immaginavo perchè quando ama lo fa con un tale abbandono da rendersi estremamente vulnerabile. Bisogna averne grande cura.
Dev’essere che qualcosa nel processore che organizza logica e ragione inizia ad andare in tilt, e la mente opera per ristabilire il controllo della situazione ma il cuore non risponde ai comandi, perciò disattiva il pilota automatico e gli consente di farsi guidare dalle emozioni. Momento cruciale, la dinamica è irreversibile, la faccenda di estrema delicatezza.  A un uomo occorre del tempo per realizzare il cambio di rotta operato dalla mente ma quando questa ha finalmente preso coscienza dei sentimenti che agitano i pensieri e rendono irrequieto l’umore,  allora il corpo tutto reagisce producendo calore, passione, slancio, quell’abbraccio caldo, stretto, entro cui è bello perdersi.