Un classico della musica jazz scritto da Matt Dennis nel 1946, Angel eyes è stato nel corso degli anni reinterpretato da svariati musicisti, a partire da Baker, Peterson, Brubeck, fino alla Fitzerald, cui voce, c’è poco da fare, conferisce al brano quell’allure che vale a rendere l’ascolto ulteriormente emozionante.
Nel video la versione di Ray Bryant suonata al pianoforte.
How lovely