Weldon Kees
Poeta, pittore, pianista jazz, regista, scrittore, Weldon Kees è considerato essere fra gli artisti americani più influenti del ‘900. In Italia non è facile reperire il materiale che lo riguarda, ma nel web è possile trovare un paio di articoli interessanti , nonchè una nutrita collezione di poesie che – tuttavia- non hanno mai riscosso il successo da lui tanto agoniato.
Appena questo pomeriggio ho avuto modo di leggere alcuni dei suoi versi raccolti in Caos, Pendole, Cocomeri, di Damiano Abeni, qui da me volutamente riproposti in inglese

This nothingness that feeds upon itself:
Pencils that turn to water in the hand,
Parts of a sentence, hanging in the air,
Thoughts breaking in the mind like glass,
Blank sheets of paper that reflect the world
Whitened the world that I was silenced by.

There were two years of that. Slowly,
Whatever splits, dissevers, cuts, cracks, ravels, or divides
To bring me to that diet of corrosion, burned
And flickered to its terminal. Now in an older hand
I write my name. Now with a voice grown unfamiliar,
I speak to silences of altered rooms,
Shaken by knowledge of recurrence and return.

Questo nulla che si nutre di se stesso – Le parole e le cose.
The Disappearing Poet : The New Yorker.
Weldon Kees, painter, poet, and filmmaker – Culture Desk – An Entertainment and cultural blog by The Boston Globe.

Annunci