Non c’è cupa giornata a cui un disco di Dinah Washington non può porre rimedio.