Desert Pass – Helen Frankenthaler, 1976

‘Diciamo semplicemente che il deserto è un impulso. Avevo deciso di punto in bianco di cambiare volo, prendere una macchina e andare per strade poco battute. C’è qualcosa riguardo ai vecchi tempi che viene soddisfatto dalla spontaneità. Più in fretta uno decide, meglio si libera del debito con la memoria. Volevo rivederla, provare qualcosa e dire qualcosa, poche parole, non troppe, e poi tornar via nella lontananza ventosa. Era tutto lontananza. Era una distesa ininterrotta di terra arida e cielo, e un’impalpabile traccia di montagne, basse e accovacciate in fondo, montagne o nuvole, a forma di gatto, di puma – com’è umano vedere una cosa come qualcos’altro.’
da Underworld, Don DeLillo