CRITICA IMPURA

 

Di ALESSANDRO DE CARO

 

Illuminismo e ideologia

Nel prendere in considerazione l’opera critica di Maurice Blanchot, nel suo Critica della critica. Un romanzo di apprendistato (Einaudi 1986), Tzvetan Todorov tratteggia un ritratto al negativo dell’autore de Lo spazio letterario, seguendo una traiettoria che ci interessa non solo nello specifico – utile per chiedersi quando, esattamente, il nome di Blanchot ha cominciato a sparire sia dalle librerie che dalla mente dei critici- ma ancora di più, il discredito di Todorov ci può spiegare qualcosa sulle accuse che sono state rivolte ad una certa cultura francese, specialmente se “postmoderna”.

Blanchot, icona del postmoderno? Suona falso, se si crede di averlo inserito una volta per tutte nella storia della letteratura, magari tra il secondo dopo guerra e gli anni Sessanta. Questa cerniera storica, nel caso di Todorov, penso si possa ipotizzare per buoni motivi: con l’avvento delle scienze umane e…

View original post 2.370 altre parole