due sono le cose che amo del mio lavoro. la prima, quando chiedo ‘chocolate on top your cappuccino?’ e tik, avviene una magia, un guizzo precipitoso di luci colorate accende lo sguardo spento della gente che, incredibilmente, mi sorride! senza ostilità, senza difese. A trentasei pollici, in high definition, di cuore. Adoro l’attimo in cui i clienti del bar mi si rivelano agli occhi rimbambiti e infantili; c’è chi squittisce e dinoccola la testa, gli occhi a noccioline, adora essere sorpreso, yes! please! thanks! C’è chi arriccia il naso e grugnisce. Chi singhiozza una risata e si strozza in un colpo di tosse. Chi d’improvviso avvampa di rosso in viso e sorride timidamente. Chi non reagisce alla provocazione nemmeno se gli fai l’occhiolino; i più precisi tagliano corto e mettono le cose in chiaro fin dall’inizio, niente equivoci. one shot small soya decaf cappuccino no chocolate on top. to go. Passo e chiudo.
Guastafeste.
La seconda cosa che amo del mio lavoro è quando chiedo ‘cream on top your hot chocolate?’ Il più audace dei clienti un giorno mi rispose yes please, let’s go wild! That’s it man, you got it right. Here a super hot chocolate with cream on top da strabuzzare gli occhi di piacere, hand on heart. enjoy it! ad alcuni la crema suona una minaccia, quasi un’offesa, cream, a me? Starai scherzando! Alcuni vacillano tra peccato e senso di colpa, puoi leggere loro in faccia la frustrazione di dovere scegliere, se resistere o meno, alle voglie di un orgasmo papillativo.
Generalmente non mi fido di chi ordina cappuccino senza cioccolato. Men che meno di chi lo vuole wet. E’ chiaro ha le idee confuse, è un indeciso. Che intendi per wet cappuccino no chocolate? Vorrai un latte? E non mi fido di chi ordina skin hot chocolate without cream. Come on, mate, fatti del bene! Simpatizzo per chi ordina green tea e ho un debole per le donne extra strong black americano, with a drop of hot milk, dure, ma con eleganza.
Stamattina è entrata al bar una cliente hot chocolate, with cream on top. Ho preparato per lei un’hot chocolate con tanto di baffo bianco on top, da leccarsi la punta del naso. Mi piacerebbe la gente si godesse la cioccolata calda, comodamente stropicciata nei divani, accaldata, scomposta, in un’orgia collettiva di endorfine e piacere dionisiaco. Mi piacerebbe ognuno di loro spegnesse il cellulare, i computers, allentasse il cappio che porta al collo, mettesse a riposo i piedi, e, semplicemente, s’abbandonasse al piacere di questo rituale di vita e di gioia condivisa.
La cliente di stamattina, ad ogni modo, non era soddisfatta della mia cioccolata. What’s that? dice, intanto parlando al telefono. What’s that? Dici a me? (…) What’s that? Your hot chocolate with cream on top, Madame. Continuava a parlare al telefono, intanto. What’s that? Dice un’ultima volta.C’è niente che odio del mio lavoro quanto un cliente che si presenta al bar con all’orecchio un telefonino. Vogliate perdonarmi to be bold, ladies and gentlemen, pain in the ass, ma considero la vostra una cafoneria, che mi offende ed è alquanto sgradita (suona diplomatico abbastansta, così?)’What’s that? Insiste un’ultima volta lei, e allontana la tazza con la mano. La hot chocolat mi si rovescia addosso, mi scotto la mano. That was your last chance to heaven (Respira) Le preparo un’altra cioccolata calda, senza panna. Lei la vuole con panna, continua a parlare al telefono, io aggiungo la panna e lei mi lancia la panna addosso con uno schiocco del dito medio contro la tazza dioseesistidalleuncolpointesta.
I vuannatalcvidiormenager, mastica lei, ancora al telefono. Ma il mio manager, sfortuna per me, stamattina non era di turno, e neanche il sottouffiale di guardia lo era (una barboncina lituana chiappe strette temperamento sovietico) così le ho dato il mio nominativo, in aggiunta al numero di telefono dell’head office. L’ho supplicata di chiamare, di raccontare loro di questo incidente diplomatico. E di farmi licenziare. L’ho supplicata di farmi licenziare. Voglio che mi licenzino. Io non ho il coraggio di farlo. Licenziatemi una volta per tutte, for god’s sake

Advertisements