Text Rain by Kyungduk Kim

Da quando A***** ha destinato al mercato mondiale la vendita dei K******, quell’affare sottiletta lanciato nel 2009, alternativa digitale al formato cartaceo di libri, riviste e giornali, è più che mai crisi nel settore dell’editoria.Leggevo.
E’ peste digitale. Di quegli affari ne vedo ovunque, in treno, in autobus, al bar, e gli ebooks vanno tanto di moda quanto l’ultimo smart phone o M** d’avanguardia; mai quanto adesso la gente si scopre, insospettabilmente, appassionata di lettura.
Che il settore dell’editoria sia in crisi,non è una novità. Ma che lo sia ulteriormente in conseguenza del digitale mi pare il paradosso più estremo e surreale al contempo.
Mi piace sostenere il diritto di continuare a leggere la carta stampata (qualcuno avanzerà il problema della deforestazione. stronzate. ci sarebbero quintali di carta riciclata da riciclare ulteriormente e a sufficienza per chissà quanti milioni ancora di libri e riviste stampate) soprattutto il piacere di poterlo continuare a fare.