Certi sogni mi vedo nuda ed esasperata alla corte di un pubblico vestito di sana decenza e comprensione della vita; milioni di mascherine allegre mi puntano addosso lo sguardo a indice di pistola,sorridono,ridono.Bisbigliano,sottovoce,in un ronzare di interrogativi,puntini di sospensione,vocativi,accusativi,esortativi.Mi dimeno,agito,rido,gesticolo,piango,grido loro che ho dovuto,devo,non ho scelta,non ne avevo,non è stato facile,mi è costato una vita,ho fatto del mio meglio,non era mia intenzione,ho avuto delle ragioni,ho dovuto lasciare,ho dovuto abbandonare,ho dovuto mentire,ho dovuto tacere,ho dovuto uccidere, ho dovuto seppellire,ho dovuto omettere,ho dovuto non amare,ho dovuto rinunciare,ho dovuto nascondere,ho dovuto ferire,ho dovuto scegliere.
Ho scelto,
se questa è un’accusa e la vita in dovere di giudicare gli errori e le cadute,le coincidenze mancate,i vicoli bui in cui mi sono persa di vista,le strade diroccate che non avrei mai dovuto scegliere di percorrere,gli amori sdrucciolievoli,le passioni abortite sul ciglio della notte,le albe di nuovi errori,altre mancanze, solitudine,sgabuzzini puzzolenti,labbra umide di desiderio,mani lerce di perversione,abbracci mancati,lettere emorragiche,omelie di fuoco,giorni di inchiostro nero sotto pelle,aggrappata per le unghie alle pagine mute dell’inatteso. Silenzio intorno e jazz nelle vene.
Certe volte m’incantano i Se; me li vedo tutti passare davanti come trenini colorati in un’interminabile corsa di vagoni circensi carichi di magia e imprevisto,fantasmi e pirati, me che corre loro dietro su un tapis roulant.La corsa sembra non finire mai,il respiro battere a tamburo,il cuore pompare alle orecchie,l’eccitazione dei muscoli toccare il culmine della tensione dinamica,sforzo di nervi ed esasperazione,fatica ed euforia;corro e corro e corro e corro e corro,mi allontano e avvicino e allontano; talvolta mi pare toccare con un dito la forma della sostanza,altre appena intravederne i contorni.Penso niente e a tutto,a nessuno e a ognuno;lo sguardo dolce e tenero di mia sorella,l’odore dei suoi abbracci,il sospetto delle sue paure,la dolcezza della sua ostilità,il muto trattenere un dolore per i denti; mia mamma, lo spettro di una bambina addormentata nel limbo,presente e distante,ingenua e ottusa,ostile nella sua fragilità; mio padre, che ho ucciso e partorito ridendo,seppellito e tenuto in braccio; me stessa abortita da uno spettro dispettoso e maligno,materno e tribale, feto prematuro e tardivo,testardo e ribelle,di paglia e di mare
Mi allargo e restringo,implodo ed esplodo,mi sfaldo e sgretolo, e infiammo ed evaporo,e scorro. Coriandoli e risate,demoni e manichini,sorrisi e lacrime,apocalisse e Rinascimento, eclissi e SuperNova,odore di musica nell’aria,cimbali,trombe nervose,fumo
un uomo mi ficca in bocca il suo maledetto cazzo esistenziale e chiede di ciucciarglielo finchè non viene e si scopre ancora innamorato ed eccitato della vita; un altro mi tiene in braccio e racconta di quando era bambino,ingenuo e con in tasca un soldatino; un altro mi passa davanti e guarda da dietro una vetrina, io che mi contorco in patetiche acrobazie intellettuali di barocca esasperazione esistenziale,mi scortico di dosso la pelle per mostrarmi vergine e fatale,bella miserabile e indifesa nelle mie più oscene timidezze e moti di ribellione infantile.E ognuno mi racconta di un dolore segreto e una perdita,e ognuno mi desidera,lascia orfana e abbandona,e ognuno mi sazia e riempie,veste di stracci e mette alla fronte una coroncina di grigia malinconia . E intanto che piove,e piove,e piove, piove a secchiate, a cascate, a non poterne più di pioggia, tutta una grandinata di no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no no finchè non smette
e mi sveglio,di soprassalto, sudata e scomposta
Ma allora è già ora di andare a letto e dormire.